mercoledì 25 maggio 2016

#Kiabi: capi provati in camerino

Che io sia una fan dello shopping on-line credo sia un fatto assodato, ciò non toglie che quando posso preferisco comunque recarmi in negozio per valutare bene i capi, per accertarmi della vestibilità, della qualità, del taglio e per provare vestiti che non sono sicura possano andarmi bene o che hanno uno stile che uso poco. Il problema di fondo però sta nel fatto che in Italia i negozi che vestono taglie forti in cui posso fisicamente recarmi scarseggiano.
Ha recentemente aperto un punto vendita Kiabi abbastanza vicino a dove abito io (mi riferisco a quello di Reggio Emilia, presso il centro commerciale Ariosto), così ho deciso di recarmi in negozio per provare qualche capo della nuova linea estiva che avevo addocciato on-line, ma che non ero sicura potesse starmi bene.
Ho approfittato per fare dei piccoli filmati dentro il camerino mentre indossavo i vestiti, perchè è una tipologia di video che apprezzo parecchio nei canali youtube di blogger plus size straniere, e perchè spesso abiti indossati rendono in modo totalmente diverso rispetto alle foto del sito, sopratutto se si tratta di capi per le taglie comode.
Non ho provato molto, giusto sei capi, sebbene l' angolo Taglie forti del punto vendita fosse abbastanza vario e fornito. Col senno di poi mi sono pentita di non aver provato qualche altro capo giusto per vedere come potevano starmi, tra cui gli shorts e i jeans in generale.


1 - 2 - 3 - 4

E comuqnue, giusto per dover di cronaca, alla fine in negozio non ho comprato nulla: mi sono segnata i capi che mi interessavano, sono andata a casa e li ho ordinati on-line, perchè Kiabi è uno di quei siti che offre spese gratuite oltre un certo importo e di cui si trovano spessissimo codici sconti. Alla fino sono riuscita a risparmiare venti euro... lo shopping on-line vince comunque!





venerdì 20 maggio 2016

#Haul mista del mese di aprile

Parecchio in ritardo sulla tabella di marcia, oggi vi mostro il video haul degli acquisti che ho fatto nel mese di aprile: un po' di abbigliamento plus size, qualche prodotto beauty e tantissimi accessori handmade!





giovedì 12 maggio 2016

#Vlog: Corso "Forme del corpo e del piede" di #StilettoAccademy

Di recente ho avuto modo di partecipare ad uno dei corsi organizzati da Stiletto Accademy, un' associazione che ha come obiettivo aiutare le donne tramite eventi e worskhop, sia gratuiti che a pagamento, per aumentare la propria autostima, la fiducia in se stesse e avere il coraggio di osare.
Si potrebbe parlare di eventi motivazionali, ma siccome questo è un concetto ancora abbastanza sconosciuto in Italia, diciamo che sono corsi per imparare a camminare sui tacchi, e nel frattempo si impara forse anche qualcosa di più.

Veronica ed Anna



Il corso a cui ho partecipato io è stato il primo di questo genere, "Le forme del corpo e le forme del piede" è un workshop pensato e strutturato in due fasi: la prima in cui Anna Venere, creatrice del blog Moda per principianti, si è occupata delle forme del corpo; e una seconda in cui Veronica Benini, Presidente della Stiletto Accademy, ha illustrato le forme del piede e tutto quello che è legato al camminare sui tacchi.

Quando sono arrivata alla sede della Stiletto Accademy (in anticipo, una volta ogni tanto) ho trovato ad accogliermi un ambiente piccolo ma confortevole, con una bellissima terrazza, un angolo ristoro disponibile per tutta la giornata e le sedie già ordinatamente disposte, pronte per l'inizio del corso.
Dopo una piccola presentazione Anna ha cominciato con la sua parte, illustrando le varie forme del corpo e le principali caratteristiche per far sì che potessimo individuare quale, secondo noi, fosse la nostra conformazione. Io non avevo dubbi, sono una pera. E invece, quando una ad una ci siamo presentate per verificare, è saltato fuori che sono una clessidra con le spalle cadenti!
Anna ha proseguito illustrando le variazioni alle forme classiche, specificando i punti di forza e i punti da camuffare (attenzione, non si parla di difetti!) e i capi più indicati.
Infine abbiamo fatto  un esercizio a gruppi in cui lo scopo era quello di evidenziare che spesso i tratti fisici che per noi sono difetti non sono visti nello stesso modo da chi ci sta di fronte, e che ci focalizziamo tanto a nascondere quello che non ci piace che non evidenziamo quello che invece dovremmo far risaltare.
Seguo Anna e il suo Moda per principianti praticamente da quando è nato e quindi molte delle cose che spiegava un po' le ritrovavo in quello che ho letto nel tempo sul blog, ciò non toglie che ho trovato appassionante il modo in cui illustrava e spiegava ma sopratutto motivava le presenti a volersi bene, a non demonizzare i propri difetti ma imparare a convincervi ed accettarli.




Dopo una sostanziosa pausa pranzo abbiamo ripreso il corso, ed è stato il turno di Veronica, che ha cominciato facendoci rimanere a piedi nudi!
Ci ha illustrato le tre forme del piede (per vostra conoscenza io ho il piede romano) e da lì ha proseguito parlando di come i nostri piedi, caviglie e gambe reagiscono quando indossiamo i tacchi. Gente, non si scherza, in pratica è come se cercassimo di camminare sostenendo tutto il nostro peso su una giuntura del nostro corpo... ovvio che poi i piedi fanno male! Ma ci sono piccoli accorgimenti che si possono adottare per migliorare la cosa, sopratutto per quanto riguarda la scelta del modello di scarpa e dei materiali.
Infine si è passato al lato pratico in cui, con i tacchi ai piedi, abbiamo seguito le sue indicazioni su come spostare il baricentro per bilanciarsi meglio (e per me questa è stata una rivelazione!), aprire le spalle, adottare una posa di rilassamento per alleviare la pressione sulla schiena e anche come imparare a sculettare, se ci va di farlo!


Ma alla fine di tutto, oltre alle varie nozioni tecniche che ho appreso, quello che più mi è piaciuto è stata l'atmosfera rilassata e di gruppo, gli argomenti di confronto di cui si è parlato che magari non facevano esattamente parte del corso, e sopratutto il fatto che né Anna né Veronica vogliono avere la pretesa di dirvi quello che dovete fare, che la cosa fondamentale è stare bene con sé stesse e cercare il più possibile di alimentare, di far crescere la nostra autostima.
E loro lo fanno spiegando come scegliere i capi che ci stanno meglio e come camminare sui tacchi.


Questo corso è stato il primo di questo genere, ma entrambe hanno espresso il desiderio di ripeterlo e portarlo anche in altre città d'Italia, quindi se siete interessate scrivete sui loro social e chiedete! Chissà, magri se le richieste sono tante riusciranno ad accontentarvi...
Nel frattempo vi segnalo che Stiletto Accademy ha in programma per il 27 maggio il loro mega evento annuale, "Stiletto Fire Walk" gratuito e aperto a tutti, con ospiti e attività davvero interessanti!

Ho voluto registrare un piccolo vlog della giornata, anche se poi alla fine ero così presa dall' ascolto e dagli esercizi pratici che ho filmato veramente poco, ma voglio mostrarvelo comunque perchè alla fine ho "intervistato" Anna e Veronica, chiedendo loro il perchè abbiano deciso di di realizzare questo corso insieme. Personalmente, la risposta mi è piaciuta molto!




Con le altre ragazze "dello staff": Daniela e Elena


venerdì 6 maggio 2016

Vlog e acquisti handmade: il Festival dell'Handmade (arpile 2016)

Il 24 aprile si è svolta a Verona l'edizione primaverile del Festiva Dell'Handmade; ormai ho perso il conto degli anni passati dalla prima edizione, e fin'ora ho cercato di partecipare sempre sia all'edizione invernale, che si tiene a novembre, sia quella primaverile, che si tiene ad aprile. Da quest'anno mi par d'aver capito che le cose cambieranno un pochino, ci saranno più edizioni nel corso dell'anno, che si svolgeranno in una sola giornata, invece che due. Se vi interessa saperne di più, sia per partecipare come espositore o come visitatore, vi rimando al sito della manifestazione.
Personalmente trovo che sia uno dei "mercatini" dedicati al fatto a mano meglio riusciti: la maggior parte degli espositori varia di volta in volta, assicurando un bel ricambio e la possibilità di conoscere e apprezzare sempre nuovi creativi, la selezione è di alto livello, e c'è qualcosa per tutti i gusti e tutte le tasche: dai gioielli, all'abbigliamento, all'home decor.
Ogni volta che ho visitato questo festival ho scritto un post a riguardo, e potete trovarli tutti qui.




Anche questa edizione mi ha soddisfatto tantissimo, anche in questa edizione avrei voluto comprare di tutto e di più, ed anche in questa edizione ho fatto scorta di biglietti da visita per stalkerare i vari creativi on-line, in vista di futuri acquisti.






Ma veniamo ai miei acquisti.
Da Barbara del Rio ho preso un paio di orecchini pendenti ma con gancio a lobo, che insieme formano la scritta "Che cos'è l'amour?". Seguivo già Barbara sul suo profilo instagram e mi ero innamorata dell'idea degli orecchini-frase, avevo adocchiato dei modelli diversi ma quando ho visto questi con i cuori non ho resistito! In più le lamine sono fatte e smaltate a mano, cosa di cui all'inizio non ero sicura, il che rende questi orecchini ancora più unici!





L'altra cosa che ho comprato è di nuovo un paio di orecchini, e di nuovo nei toni del rosso: sono una creazione di Rava Nello, sono realizzati con la tecnica dell'origami e trovo che siano molto particolari e ben curati in ogni dettaglio del montaggio. Sono leggeri ma non fragili, vistosi ma delicati.









mercoledì 4 maggio 2016

Outfit: nero e tropicale

Quando ho visto questa maxi camicia di Scarlett & Jo sul sito Yours Clothing me ne sono innamorata all'istante, nonostante sia un capo abbastanza impegnativo da indossare.
Ho deciso di abbinarla ad un paio di pantaloni multicolore, un vecchio acquisto di C&A, per spezzare un po' tutto il nero della camicia e giocare con gli spacchi laterali e la semi-trasparenza del tessuto.
Tanto colore anche per la borsa, un modello handmade di Nadia's Pochette, e per la collana fuxia che ho realizzato io, e di cui ho anche fatto un video tutorial.
Le scarpe sono di United Nude: semplici décolleté a punta di pelle nera, ma con un particolarissimo tacco in plexiglass trasparente viola!



Shirt - Scarlett & Jo via Yours Clothing 
Pants - C&A 
Shoes - United Nude 
Pochette - handmade by Nadia's Pochette 
Necklace - handmade by me (tutorial)

  Outfit nero e tropicale (6)  
Outfit nero e tropicale (11)  
Outfit nero e tropicale  
Outfit nero e tropicale (2)  
Outfit nero e tropicale (9)  
Outfit nero e tropicale (5)  
Outfit nero e tropicale (12)  
Outfit nero e tropicale (3)  
Outfit nero e tropicale (8)  
Outfit nero e tropicale (4)  
Outfit nero e tropicale (10)


venerdì 29 aprile 2016

Vlog: Romantic Remembrance Gala 2016

Anche quest'anno si è tenuto il Gala in costume a tema storico organizzato dall'associazione Old Souls. E' stata la seconda edizione a cui ho partecipato (qui potete trovare il post dedicato a quella dell'anno scorso) e devo dire che l'esperienza è stata molto simile: ansia da "cosa mi metto?", panico da "non ce la farò mai a completare l'abito!", euforia da "che bellissimo evento/che bellissimi abiti/che bellissima compagnia con le mie amiche/evviva l'open bar" e tristezza il giorno dopo, quando tutto sembra passato troppo in fretta.
Quest'anno il Gala si è tenuto a Villa Mazzotti a Chiari, in provincia di Brescia: la location era molto bella, anche se forse non tanto quanto come quella dell'anno scorso.
Per seguire il tema della serata Ludvig II, ho optato, tra i tre periodici storici dati come linea guida, per il medioevo bizantino. Non avevo assolutamente voglia di cucirmi da zero un abito, così ho deciso di rivedere un po' quello dell'anno scorso, di pimparlo, di cambiare gli accessori, di trasformarlo in un abito medievale 2.0. 
La sensazione di essere la sorella povera di Cenerentola è rimasta, sopratutto guardando i bellissimi abiti indossati dai partecipanti, ma mi sono comunque sentita una principessa. Anzi, visto che indossavo una corona è meglio dire una regina!
Davvero una serata e un evento meravigliosi.











AddThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...