mercoledì 22 maggio 2013

Eventi: Bologna, 1 giugno. Flash mob per il curvy pride.

Voglio segnalarvi un'iniziativa molto interessante: Marianna, blogger di Ci metto la curva e proprietaria di una boutique per curvy e non, che mi ha contattato per invitarmi al primo curvy pride, che si terrà a Bologna il 1 giugno, e per chiedermi di condividere l'evento con chiunque possa essere interessato.
Si tratta di un flash mob, i cui dettagli sono al momento top secret per mantenere l'effetto sorpresa, il cui scopo è soprattutto quello di esporre un manifesto, portare un messaggio, affermare  un concetto di bellezza libera da numeri, taglie e definizioni imporste da moda, pubblicità e società:

1 . Promuovere un’immagine della donna conforme alla realtà, sulle passerelle come in tutte le forme di comunicazione. Perché nessuna debba più confrontarsi con modelli impossibili e irreali, e possa vivere la propria bellezza e sentirsi in armonia con le proprie forme.   

2. Proporre l’abolizione della taglia zero delle modelle, come è stato già fatto in Israele, per combattere i disturbi alimentari e stimolare le case di moda a perseguire e proporre modelli di bellezza che non siano dannosi per la salute, sia delle modelle che, soprattutto, di chi, come le giovani generazioni, cerca di imitarle.

3. Incoraggiare brand e marche d’abbigliamento a produrre capi di tutte le taglie, conformi all’ aspetto reale delle persone per scoraggiare forme di discriminazione e atteggiamenti di bullismo di cui sono spesso vittime sia adolescenti che adulti.

Io purtroppo non potrò partecipare, ma se l'iniziativa vi piace e volete saperne di più, vi consiglio di contattare direttamente Marianna all'indirizzo email cimettolacurva @ gmail. com o sulla sua pagina facebook, per avere più dettagli su ora e luogo del flash mob.

E mi raccomando, se partecipate, fatemi sapere com'è andata!
SHARE:

5 commenti

  1. Ma è un'iniziativa stupenda!!!
    Però non riuscirò mai ad andare a Bologna quel giorno :( Spero partecipino in tanti!

    RispondiElimina
  2. io lavoro quel giorno, ma vedendo il manifesto avevo pensato che pur essendo una buona cosa lo trovo utopico e un po' generico... Non ha senso chiedere a tutte le aziende indistintamente di produrre taglie regolari, ci vuole un progetto preciso. Basterebbe che le aziende che già lo fanno lo facessero pensando al cliente e non alla società in cui viviemo e a come la pensa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea del manifesto era quella di trovare una base comune da condividere nel modo più ampio possibile. Io l'ho inviato a tutte con l'invito ad arricchirlo e a proporre suggerimenti. Mi sembrava un'occasione per provare a fare un'iniziativa che coinvolgesse tutto il mondo curvy in un unico evento. Mi aspettavo almeno una risposta in privato. Peccato...:(

      Marianna

      Elimina
  3. amazing post! here is my first giveaway:
    http://lifeisbetterblondewiths.blogspot.ro/2013/05/oasap-giveaway.html

    RispondiElimina

Desclaimer

I prodotti contrassegnati con (*) mi sono stati omaggiati dall'azienda.
I prodotti contrassegnati con (**) contengono dei link a siti di affiliazione.
I post sponsorizzati sono debitamente segnalati.
Blogger Template Created by pipdig